Impianto biogas a Palma Campania, il sindaco di Ottaviano: “Un tavolo di concertazione tra Comuni”

25 Gennaio 2020

“Non entro nel merito tecnico dell’impianto di biogas che il sindaco di Palma Campania vuole realizzare nella sua area industriale, ai confini con San Gennarello: quando si parla di rifiuti bisogna avere occhi aperti e competenze, ma per questo c’è tempo. Di certo, mi aspetto condivisione e confronti con gli altri Comuni, prima di avviare un progetto del genere”, così il sindaco di Ottaviano, Luca Capasso, interviene nella questione in discussione in questi giorni a Palma Campania, dove il sindaco Nello Donnarumma ha dato disponibilità a realizzare un impianto per la trasformazione dei rifiuti in biogas nell’area industriale di via Novesche. 

Aggiunge Luca Capasso: “Le ricadute di un impianto di biogas non riguardano solo la città che lo ospita, ma un intero territorio. E non mi riferisco solo alla puzza che, come è noto, non ha confini: mi riferisco a tutte quelle conseguenze negative che, ovviamente, nessuno si augura e che proprio per questo vanno prevenute”. 

Di qui la proposta: “Chiedo, dunque, al sindaco di Palma Campania di convocare un tavolo di concertazione con i sindaci dei centri vicini, prima di avviare l’iter per realizzare l’impianto di biogas. Infine un appunto personale, ma neanche troppo: noto che gli ambientalisti che tanto si sono agitati per il rally (assolutamente legittimo) ad Ottaviano, ora tacciono. Meglio così, sia chiaro: meno parlano, meno danni fanno”